News Cinema, Tv, Libri

Innamorati e felici: ecco com’è la nuova commedia di Natale secondo Neri Parenti.

Innamorati e felici: ecco com’è la nuova commedia di Natale secondo Neri Parenti.

Via parolacce e volgarità. Basta con ragazze in déshabillé, coatti, miliardari in vacanza e battute di cattivo gusto. Insomma, si cambia registro. E’ dunque la fine di un’era, quella dei cinepanettoni?
Forse sì. Il pubblico era stanco di un certo tipo di comicità triviale e, diciamocelo, la stessa formula ripetuta per quasi trent’anni di seguito stancherebbe persino il più sfegatato dei fan.
“Il nostro ultimo film, pur avendo vinto comunque il biglietto d’oro a Sorrento – ci dice il regista Neri Parenti-,aveva incassato meno dei precedenti. Abbiamo capito che forse era giunto il momento di prenderci una pausa e cambiare direzione”.
Di certo Aurelio De Laurentiis, produttore del film, vorrà adesso trovare una nuova definizione per l’usuale film di Natale. Commedia sentimentale? Non proprio, anche se si parla di amore a prima vista e delle sue, talvolta disastrose, conseguenze.
Colpi di fulmine” vorrebbe in parte essere, nelle intenzioni, un omaggio alla commedia italiana del dopoguerra. Almeno per quanto riguarda il primo dei due episodi che compongono il film, in cui Christian De Sica è Alberto, uno psichiatra che si finge sacerdote per sfuggire alla Guardia di Finanza e, nascondendosi in un paesino, finisce per innamorarsi del maresciallo dei Carabinieri Luisa Ranieri, già promessa in sposa al sindaco.
Qualcuno di questi elementi vi fa venire in mente “Pane, amore e fantasia”? “Esattamente. Abbiamo scelto tutti i luoghi comuni del paese antico: la chiesa, le persone che si conoscono tutte tra loro. Inoltre Christian voleva omaggiare suo padre, perciò abbiamo provato a ricreare quel tipo di atmosfera”, prosegue Parenti.
Accanto ai due attori ci sono anche Simone Barbato (“Zelig” in tv) nei panni di un sagrestano muto e Rosalba Pippa, meglio conosciuta come Arisa, qui alla terza esperienza cinematografica dopo “Tutta colpa della musica” e “La peggior settimana della mia vita”. Per lavorare al personaggio della perpetua Tina, che ha un forte accento lucano, si è ispirata ad una vecchia parente.
“Zia Carmela si è ritrovata vedova a quarant’anni e con cinque figli da mantenere. Era una donna piuttosto austera e saggia. Praticamente mandava avanti la casa da sola ma, proprio per questa sua rigidità, era la più buffa della famiglia. Aveva una comicità innata e involontaria”.
Un’esperienza, questa, più semplice rispetto alle precedenti.
“Quando ho girato con Ricky Tognazzi ero rimasta davvero traumatizzata. Non ero affatto pronta e per di più, quando mi sono rivista, non mi sono affatto piaciuta. Uno shock, insomma. Ma col tempo ho imparato a rilassarmi. Lavorare con Neri è stato un piacere perché corregge i suoi attori delicatamente, senza aggredirli. Io sono una cantante, non un’attrice, per cui poteva essere molto complicato. L’obiettivo comune è realizzare un bel film e, con un clima rilassato, si lavora meglio”.
Il secondo, scoppiettante episodio, ruota tutto intorno all’affiatatissima coppia formata da Lillo e Greg (al secolo Pasquale Petrolo e Claudio Gregori). Niente romanticismo ma, in compenso, grandi risate. De Sica avrebbe voluto girare con loro, lamentando l’assenza “di una spalla comica forte”.
“Mi piacerebbe avere degli sketch con loro per il prossimo film. Nel mio episodio ho un ruolo che andrebbe bene per “Love Actually”, quello di una brava persona che, pur essendo innocente, deve inventarsi una seconda identità. Si sorride molto. Raccontiamo una storia carica di ottimismo, proprio come quelle che si scrivevano una volta”.
Entusiasti Pasquale e Claudio: “La sceneggiatura era perfetta – sottolinea Pasquale – e noi abbiamo solo apportato qualche piccola modifica per cucirci meglio addosso le battute. Di solito non siamo abituati a recitare dei testi scritti da altri, ma in questo caso andava benissimo così”.
Nel loro episodio Claudio è Ermete, un ambasciatore italiano presso la Santa Sede che s’innamora di una pescivendola romana (interpretata da Anna Foglietta) che subisce solo il fascino dei coatti. Pur di conquistarla, l’uomo decide di iniziare a prendere lezioni di romanacccio da Nando, il suo autista (Pasquale).
“Io e Greg abbiamo un umorismo particolare, surreale – aggiunge quest’ultimo – e si è rivelato adatto a quello del film. Amiamo questo tipo di comicità. Ci piace molto creare delle situazioni divertenti e lavorare sulla cosiddetta “risata a tappetino”, che è quella che dura, piuttosto che sulla risata grossa, che invece nasce e muore con la battuta. Abbiamo anche potuto improvvisare, che è una cosa che al cinema accade raramente”.

http://www.ivid.it/trailer/9120/COLPI+DI+FULMINE/

Commenta

Commenti

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

Spider-man torna in Europa nel sequel

Letizia Rogolino23 aprile 2018

Halloween ecco la nuova maschera di Michael Myers

Stefania Albani23 aprile 2018

Charlize Theron ingrassata di 22 chili per il copione di Tully

Stefania Albani23 aprile 2018

The Rain il trailer italiano ufficiale della serie in arrivo dal 4 maggio su Netflix

Stefania Albani23 aprile 2018

Dal film Escobar: Il Fascino del Male, tante clip italiane

Stefania Albani23 aprile 2018

Baby ecco l’immagine del cast della serie tv italiana in arrivo su Netflix

Stefania Albani22 aprile 2018

The Division, trovato il regista si tratta di David Laitch

Lo21 aprile 2018

Ant-Man and the Wasp, Entertainment ha rilasciato due nuove foto

Stefania Albani21 aprile 2018

Il Trono di Spade, dietro le quinte con Emilia Clarke (video)

Letizia Rogolino20 aprile 2018