News Cinema, Tv, Libri

Recensione di World War Z

Recensione di World War Z

Brad Pitt e gli zombie: la recensione di World War Z

(La recensione di World War Z è spoiler free)

Il segreto alla base di questo buon blockbuster di stagione sta nel suo registro molteplice che va dai ritmi altissimi delle scene d’azione durante l’apocalisse zombie, a quelli più miti di passaggio tra le varie ambientazioni d’indagine. Difatti questa recensione di World War Z si basa sulla premessa che questo non è solo un film sugli zombie e nemmeno solo un film d’azione con Brad Pitt.
Il protagonista di World War Z è Gerry Lane, un ex investigatore delle Nazioni Unite, che vive felice e sereno con la sua famiglia perfetta. Un giorno però la sua quotidianità viene sconvolta dall’arrivo di un’assurda epidemia, che muta gli infettati in zombie. A Gerry viene affidato il compito di guidare un commando di soldati scelti per rintracciare l’origine dell’epidemia e un possibile rimedio.

Recensione di World War Z

Recensione di World War Z

Lo svolgersi dell’azione è chiaramente basato su un susseguirsi di colpi di scena, a volte così assurdi da risultare ironici: basti guardare la fine ingloriosa del primo compagno di viaggio di Gerry che quasi strappa, suo malgrado, un sorriso. Si alternano piani macroscopici a inquadrature strettissime e la storia viaggia in continuazione tra un realismo ricercato e la fantascienza apocalittica. World War Z non è però un film horror: il sangue e la violenza splatter vengono tenute sempre fuori dall’inquadratura e la brutalità è solo nelle scene corali e brulicanti. La tensione è data soprattutto dai movimenti animaleschi degli infetti, dalle fughe sincopate e dalla drammatica assenza di risposte. Non è un action movie in cui l’eroe tutto d’un pezzo salva da solo il mondo: il protagonista è costretto alla sua missione da un ricatto e, suo malgrado, si adatta a sopravvivere in cerca di una soluzione.

recensione di World War Z

recensione di World War Z

World War Z in sostanza ricorda più 28 giorni dopo che Resident Evil, e guadagna rispetto al film inglese un maggiore pubblico di spettatori. Brad Pitt è sempre bravo e sa come scegliere i film in cui è protagonista. Con orgoglio patriottico, sono stata anche contenta che Favino non abbia una parte poi tanto piccola e anzi sia l’unico a costringere l’eroe senza macchia Gerry a pronunciare un sentito “mi dispiace”.
Per riassumere sinteticamente questa recensione di World War Z, direi che è un film piacevole e appassionante che dà quello che lo spettatore medio cerca: un blockbuster sugli zombie… per famiglie. Un film divertente ma non stupido, che cattura sin dalla sequenza iniziale e regala non poche emozioni e salti sulla poltrona.

(La recensione di World War Z è spoiler free)

Commenta

Commenti

News Cinema, Tv, Libri

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

HBO Max ha ufficialmente rinnovato Raised by Wolves di Ridley Scott per la seconda stagione.

Stefania Albani18 Settembre 2020

Nuovo Trailer di Petra , serie tv con Paola Cortellesi su Sky

Stefania Albani17 Settembre 2020

Collezione di film horror della Blumhouse su Amazon Prime Video, ecco i trailer

Stefania Albani17 Settembre 2020

Rimandata l’uscita di Black Widow , la Disney sta valutando cosa fare con Saul

Stefania Albani17 Settembre 2020

The Mandalorian 2, primo trailer italiano della seconda stagione solo su Disney Plus

Stefania Albani16 Settembre 2020

Trailer italiano di Un divano a Tunisi , esilarante commedia di Manèle Labidi

Stefania Albani15 Settembre 2020

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020

Il processo ai Chicago 7 , Aaron Sorkin dirige un cast eccezionale, il trailer sottotitolato

Stefania Albani14 Settembre 2020

E se dalla scatola esce un pauroso clown? Ecco Jack in the Box e il suo trailer horror

Stefania Albani11 Settembre 2020