News Cinema, Tv, Libri

L’Ora più Buia, perché non perdere il film di Joe Wright

L’Ora più Buia, perché non perdere il film di Joe Wright

Dal 18 Gennaio è al cinema L’Ora più Buia, il film diretto da Joe Wright ambientato all’inizio della Seconda Guerra Mondiale. Gary Oldman è Winston Churchill, la figura iconica della Gran Bretagna che ha lasciato il segno come Primo Ministro. Il film si concentra in particolare sulla sua azione in un momento difficile della storia, tra l’armistizio con la Germania nazista e l’intervento nella guerra sanguinaria che ha coinvolto tutto il mondo. Churchill deve prendere decisioni difficili e decisive per il suo Paese, ma anche per il futuro della guerra, e Gary Oldman regala una performance che lascia senza parole. Tuttavia la sua presenza non è il solo motivo per cui L’Ora più Buia è un film da non perdere. Vediamo insieme i motivi principali per cui correre al cinema a vedere questo political drama di Wright.

Gary Oldman nei panni di Winston Churchill è un miracolo

La versione di Winston Churchill proposta da Gary Oldman nel film L’Ora più Buia può essere considerata una delle migliori passate sul grande schermo. In primo luogo Oldman ha catturato l’aspetto esatto del Primo Ministro all’età di 65 anni nel 1940, grazie ad un ottimo lavoro di protesi e trucco, ma anche per uno studio accurato della sua postura, delle espressioni facciali e del linguaggio del suo corpo. Inoltre, ancora più importante, l’attore ha colto la spavalderia, l’irritabilità e lo spirito da bulldog di Churchill, che si manifesta solo nei momenti privati ​​di incertezza, insieme ad una tenerezza inaspettata.

darkesthour3

Clemmie di Kristin Scott Thomas è perfetta

L’Ora più Buia ha solo alcune scene che si svolgono all’interno della casa privata di Churchill. Tuttavia la moglie Clementine (Clemmie) interpretata da Kristin Scott Thomas è un ruolo sviluppato in maniera verosimile e approfondita. Si presenta come una figura materna per Churchill, che sa come consolarlo ed incoraggiarlo nella vita di tutti i giorni. La sceneggiatura di Anthony McCarten aiuta a delineare il suo personaggio al meglio.

Il film cattura con precisione il sentimento anti-Churchill

Churchill è diventato Primo Ministro del governo di coalizione britannico il 10 maggio 1940. A causa della sua reputazione per spregiudicatezza e una passata slealtà politica, non è stato eletto all’unanimità a Whitehall. Il sentimento anti-Churchill nel film infatti è chiaramente simboleggiato dalla cautela di Neville Chamberlain (Ronald Pickup), che aveva rinunciato alla leadership grazie ad un voto di sfiducia, e al visconte Halifax (Stephen Dillane), segretario degli Esteri silenziosamente combattivo. Anche Re Giorgio VI (Ben Mendelsohn), amico di Halifax, non mostra fiducia nei confronti di Churchill. La loro opposizione ai suoi piani di guerra a tutti i costi è il conflitto centrale del film, non la guerra contro Hitler.

La storia della segretaria è travolgente

Churchill viene spesso visto attraverso gli occhi di Elizabeth Layton (Lily James), la graziosa segretaria che egli sgrida durante il loro primo incontro. In realtà Layton cominciò a lavorare per lui solo nel Maggio del 1941. Gradualmente ha imparato a gestire i suoi nervi per poi cominciare a venerarlo. La ragazza sollecita la simpatia di Churchill quando gli parla di una tragedia personale, ma il suo ruolo di testimone esiste principalmente per dare ai giovani spettatori del film un personaggio in cui immedesimarsi.

DARKEST HOUR

Decisioni di guerra difficili 

Le sempre più cattive notizie della difficile situazione della Forza di spedizione britannica nel nord della Francia intensificano la lotta di Churchill nel dirottare le truppe tedesche nella piccola guarnigione britannica di Calais, per fornire soccorso ai soldati che si ammassano a Dunkerque. Churchill non deve solo convincere i suoi generali che questa è la giusta linea d’azione, ma deve superare Halifax, che insiste sulla negoziazione della Gran Bretagna con la Germania nei colloqui diretti dal leader fascista italiano Mussolini. È una battaglia disperata che provoca quasi la sconfitta di Churchill.

Il regista Joe Wright usa abilmente lo stile

Come ha fatto in Orgoglio e Pregiudizio nel 2005 e in Espiazione nel 2007, Wright si dimostra un eloquente visual stylist. Le audaci telecamere si muovono in modo sapiente contestualizzando la missione di Churchill di mantenere la Gran Bretagna in guerra, anche quando si trasforma in una conflagrazione.

Neville Chamberlain di Ronald Pickup è perfetto

Chamberlain, 71 anni, godeva ancora del rispetto dei parlamentari conservatori dopo che aveva lasciato il potere come primo ministro, ed era ancora influente. Era malato terminale di cancro nel maggio 1940 e sarebbe morto quel Novembre. Splendidamente interpretato da Pickup, 77 anni, Chamberlain è un uomo prudente, attento, che recita rispettosamente la sua parte fino alla fine.

I discorsi di Churchill sono commoventi

A differenza di Dunkirk, che si sviluppa su vasta scala, L’Ora più Buia non è un film di eventi, ma le commoventi versioni dei discorsi di Churchill recitati da Oldman chiariscono perché quest’uomo è stato percepito come il salvatore della Gran Bretagna nella crisi che seguì il caduta della Francia. Quando inizia il discorso “Dovremo combattere sulle spiagge” del 4 giugno 1940 davanti alla Camera dei Comuni l’emozione sale. È una scena che dovrebbe spingere qualcuno a realizzare un film della Battaglia d’Inghilterra, se non altro per il Churchill di Oldman da ricordare.

Commenta

Commenti

News Cinema, Tv, Libri

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

Trailer di Il caso Pantani – L’omicidio di un Campione solo il 12/13/14 ottobre al cinema

Stefania Albani21 Settembre 2020

Trailer italiano di WandaVision la serie tv Marvel per Disney Plus

Stefania Albani21 Settembre 2020

HBO Max ha ufficialmente rinnovato Raised by Wolves di Ridley Scott per la seconda stagione.

Stefania Albani18 Settembre 2020

Nuovo Trailer di Petra , serie tv con Paola Cortellesi su Sky

Stefania Albani17 Settembre 2020

Collezione di film horror della Blumhouse su Amazon Prime Video, ecco i trailer

Stefania Albani17 Settembre 2020

Rimandata l’uscita di Black Widow , la Disney sta valutando cosa fare con Saul

Stefania Albani17 Settembre 2020

The Mandalorian 2, primo trailer italiano della seconda stagione solo su Disney Plus

Stefania Albani16 Settembre 2020

Trailer italiano di Un divano a Tunisi , esilarante commedia di Manèle Labidi

Stefania Albani15 Settembre 2020

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020