News Cinema, Tv, Libri

Kong: Skull Island, i mostri ispirati alla Principessa Mononoke

Kong: Skull Island, i mostri ispirati alla Principessa Mononoke

I vari trailer di Kong: Skull Island stanno preparando il pubblico a qualcosa di apparentemente straordinario. Il regista Jordan Vogt-Roberts dirige questo film con Tom Hiddleston e Samuel L. Jackson, protagonisti di un’avventura che li vede in lotta con dei mostri giganti sull’isola di King Kong negli anni ’70, con un arruffato John C. Reilly a disposizione, mentre i manifesti del film pubblicati fino ad oggi ricordano volutamente il cult Apocalypse Now.

Quindi sì, ha perfettamente senso che il film di Hayao Miyazaki, Principessa Mononoke, sia stato anch’esso un punto di riferimento per la produzione di Kong: Skull Island. Il regista ha spiegato in una recente intervista che è importante per la produzione che i mostri di questo nuovo film trasmettino orrore e stupore insieme: “Le creature sono una grande cosa. Jurassic World possiede, ovviamente, i suoi dinosauri adesso. Se Kong è il Dio di questa isola, abbiamo voluto che ciascuna delle creature si sentisse come un dio individuale con il proprio dominio. Miyazaki e la principessa Mononoke sono state un grande riferimento nel modo in cui le creature spirituali curano i propri domini e si adattano all’interno di questo territorio. Una grande cosa è stata cercare di progettare le creature come se fossero realistiche e possibilmente esistenti in un ecosistema che si percepisce come selvaggio, e poi progettare cose che allo stesso tempo fossero belle e terrificanti. Se si vede un ragno gigante o un bufalo d’acqua, una parte di voi dice: ‘questa è la cosa più incredibile che abbia mai visto’ e ‘Oh mio Dio, chi sta per uccidermi in questo momento, ho bisogno di correre per salvare la mia vita!”

NEtwhpql1MkXwz_1_14

Questo è sempre stato uno dei miei elementi preferiti del lavoro di Miyazaki – riconosce la bellezza dei mondi che crea senza mai dimenticare che la natura (sia essa reale o fittizia) è dura, spietata, e spesso indifferente ai semplici sentimenti umani. Per ogni Totoro, c’è un numero di creature meno morbide e molto meno amichevoli in attesa di sgranocchiare le ossa. Principessa Mononoke, che è stato rilasciato nel 1997, è un capolavoro, ma anche uno dei film più duri del maestro giapponese, un’avventura di fantasia in balia della bellezza gloriosa e della altrettanto gloriosa bruttezza della natura.

Trovo questo confronto con Kong: Skull Island affascinante, che riflette la vasta gamma di influenze di Vogt-Roberts per il film.

Commenta

Commenti

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

HBO Max ha ufficialmente rinnovato Raised by Wolves di Ridley Scott per la seconda stagione.

Stefania Albani18 Settembre 2020

Nuovo Trailer di Petra , serie tv con Paola Cortellesi su Sky

Stefania Albani17 Settembre 2020

Collezione di film horror della Blumhouse su Amazon Prime Video, ecco i trailer

Stefania Albani17 Settembre 2020

Rimandata l’uscita di Black Widow , la Disney sta valutando cosa fare con Saul

Stefania Albani17 Settembre 2020

The Mandalorian 2, primo trailer italiano della seconda stagione solo su Disney Plus

Stefania Albani16 Settembre 2020

Trailer italiano di Un divano a Tunisi , esilarante commedia di Manèle Labidi

Stefania Albani15 Settembre 2020

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020

Il processo ai Chicago 7 , Aaron Sorkin dirige un cast eccezionale, il trailer sottotitolato

Stefania Albani14 Settembre 2020

E se dalla scatola esce un pauroso clown? Ecco Jack in the Box e il suo trailer horror

Stefania Albani11 Settembre 2020