News Cinema, Tv, Libri

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: arriva in Blu-Ray il capolavoro di Alfonso Cuarón con protagonista un’incredibile Sandra Bullock e contiene fantastici contenuti speciali, per una durata di circa tre ore. 

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity è uno dei film migliori – e giustamente più premiati – del 2013. Com’è accaduto in passato con titoli di fantascienza come Jurassic Park (1993) o Avatar (2009), che hanno avuto il merito di introdurre soluzioni narrative innovative, unite ad invenzioni tecniche e visive strabilianti, così anche Gravity rappresenta un nuovo capitolo nell’evoluzione del cinema: sono certo che, ripensando a Gravity nei prossimi anni, ci ricorderemo tutto: lo stupore di fronte al pianeta Terra visto dallo spazio, i mirabolanti movimenti della macchina da presa, l’incredibile piano sequenza iniziale che, dopo averci mostrato la placida e serena bellezza del mondo visto da lontano, ci catapulta nel vivo dell’azione, togliendo letteralmente il fiato. Anche dopo una seconda o una terza visione, Gravity resta una pellicola in grado di farci dimenticare dove ci troviamo e di farci sentire i dolori e le paure della sua travagliata e intrepida protagonista (una Sandra Bullock in gran forma che ha offerto forse la prova migliore della sua carriera) come nostri: la solitudine, la chiusura alla vita, la paura della morte (raccontata nella metafora di un buio spaziale nerissimo, contrapposto ai colori luminosi della Terra, che resta sempre sullo sfondo, bella e –forse – irraggiungibile).

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity è uscito ora in home-video, nella stessa settimana in cui scopriremo le scelte dell’Academy (noi puntiamo alla statuetta come miglior regista ad Alfonso Cuarón, nonché a tutti i premi tecnici nelle categorie in cui il film è nominato). Warner Bros Home Video ha reso disponibile Gravity in due fantastiche edizioni Blu-Ray: una contiene entrambe le versioni in 2D e 3D, mentre l’altra ha soltanto quella in 2D. Gravity è stato girato e presentato usando la proporzione tradizionale 2:40:1 (anche se il film è uscito in sale con schermi IMAX, nessuna scena è stata mai girata con cineprese IMAX). Il video è in Full HD 1080p a 24 fotogrammi al secondo. La qualità video (così come quella audio) è semplicemente perfetta e riesce a rendere nel migliore dei modi lo straordinario lavoro fatto sul film.

Il menu del Blu-Ray è molto semplice: sullo sfondo abbiamo Sandra Bullock, mentre in primo piano quattro opzioni ci invitano a scegliere se vedere il film, selezionare la lingua e i sottotitoli, scegliere una scena da cui iniziare la visione oppure passare ai contenuti speciali. Sui contenuti c’è molto da dire: oltre tre ore di extra che soddisferanno anche i fan più esigenti e che sono stati divisi in cinque categorie. La prima, Gravity Mission Control, è quella più lunga per durata e anche più interessante, a mio parere: ben nove documentari che spaziano dalla sceneggiatura agli storyboard, fino alla pre-visualizzazione del girato, all’uso del CGI e ad un’intervista col compositore Steven Price; gli speciali raccontano tutto il percorso di Gravity, dall’inizio al montaggio definitivo, con approfondimenti sulle sfide affrontate dal regista e dalla troupe per creare un ambiente a gravità quasi 0 e, soprattutto, per unire le performance degli attori agli effetti speciali; il tutto per una durata di 106 minuti di materiale.

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

La seconda category, Shot Breakdown, contiene cinque documentary più brevi (per una durata di circa 36 minuti): tra i vari inserti troviamo Behind the visor, che spiega come sia stato necessario costruire in post-produzione la visiera di Sandra Bullock al fine di evitare che lo studio in cui il film è stato girato si riflettessero su di essa. I video contenuti in questa sezione illustrano purtroppo soltanto cinque scene del film, tra cui quella dell’incendio all’interno della stazione spaziale.

Il terzo extra, Collision Point, è un video di 20 minuti narrato da Ed Harris (voce di Mission Control nel film) che spiega come i detriti provenienti da oltre 4000 stazioni spaziali rappresentino un problema per chi deve viaggiare nello spazio. Il video spiega la sindrome di Kessler, ossia il fatto che, prima o poi, accumulando i detriti, si verificherà un effetto domino che potrebbe spingere lontano i satelliti, distruggendo le comunicazioni globali. Ci sono infine un corto di Jonás Cuarón (sceneggiatore di Gravity) intitolato ANINGAAQ e una sezione dedicata ai Festival cui Gravity ha partecipato.

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Gravity: la recensione del Blu-Ray

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

Tre Piani di Nanni Moretti unico film italiano in concorso a Cannes, trailer italiano

Stefania Albani8 Giugno 2021

Il 7 ottobre arriva al cinema Respect, il biopic su Aretha Franklin, ecco il trailer italiano

Stefania Albani7 Giugno 2021

Da oggi al cinema The Conjuring – Per Ordine del Diavolo, il nuovo trailer italiano

Stefania Albani3 Giugno 2021

In arrivo un biopic per la cantante e attrice CHER che ha compiuto 75 anni

Stefania Albani21 Maggio 2021

Joshua Jackson sarà il Dr. Death la serie in arrivo sulStarzplay

Stefania Albani18 Maggio 2021

La tragica e commovente storia di Alfredino raccontata in una miniserie in arrivo su Sky Cinema

Stefania Albani12 Maggio 2021

Leonardo DiCaprio tra i “Killers” accanto a Lily Gladstone, ecco la prima immagine del film

Stefania Albani11 Maggio 2021

Sarah Paulson protagonista dell’horror RUN, ecco il trailer italiano

Stefania Albani10 Maggio 2021

La voglia di cinema riporta la gente in sala, buoni risultati per Nomadland

Stefania Albani3 Maggio 2021