News Cinema, Tv, Libri

Ghost Stories, dal teatro al cinema con i fantasmi

Ghost Stories, dal teatro al cinema con i fantasmi

Questa storia di fantasmi inizia nelle settimane successive al matrimonio reale, in un campo estivo ebraico nel luglio del 1981, quando due ragazzi di 15 anni fanno amicizia in seguito ad una passione per le barzellette sporche e i film horror. “Siamo stati messi insieme dal destino” ha raccontato Jeremy Dyson, che è diventato famoso come membro della compagnia di sketch comedy The League of Gentlemen. I due hanno guardato insieme i loro film horror preferiti e le idee hanno cominciato ad arrivare.

Da allora giocano con l’immaginazione, soprattutto per spaventare il pubblico. E l’ultimo film, Ghost Stories, è in un certo senso un loro omaggio ai film horror che arriva nelle sale italiane il 19 Aprile. Quando erano ancora adolescenti, Dyson, con base a Leeds, andava a Leicester per uscire con Andy Nyman. La loro sinagoga era un negozio di video noleggio. “Era l’alba dei VHS e, per la prima volta in assoluto, si potevano noleggiare film per guardarli a casa. Oggi è difficile capire quanto fosse rivoluzionario. Allora Andy non aveva nemmeno un videoregistratore, quindi avrebbe dovuto affittarne uno insieme ai video“. Il loro cameratismo è evidente quando Nyman parla di alcuni dei loro primi lavori. Mentre creavano i loro percorsi di successo in televisione, teatro e cinema, sono rimasti amici, anche se a volte hanno passato mesi senza parlare. “Abbiamo sempre detto che sarebbe stato divertente lavorare insieme, ma la dura realtà era che nessuno avrebbe pagato per questo” ha raccontato Nyman. “Dovevamo pagare il mutuo!“.

Le origini di Ghost Stories a teatro

Nel 2008, 27 anni dopo il loro primo incontro, si è presentata finalmente l’opportunità di collaborare. Nyman stava camminando per il West End di Londra e ha oltrepassato un teatro che ospitava una produzione di The Woman in Black e si è chiesto perché non ci fossero più commedie horror. “Avevo visto The Vagina Monologues in quel periodo” ricorda “Ero un po’ sconcertato dal fatto che questa commedia con tre donne che leggevano su un set con solo tre bancarelle fosse diventato un fenomeno mondiale. Ho telefonato a Jeremy e gli ho detto: ho questa idea…fare un’opera teatrale tipo The Vagina Monologues ma con storie di fantasmi“. E così Dyson e Nyman hanno evocato il successo di Ghost Stories. La commedia è stata presentata in anteprima al Liverpool Playhouse nel febbraio 2010, prima di arrivare al Lyric Theatre di Hammersmith, dove ha battuto i record al botteghino. La commedia poi è arrivata nel West End, dove è andata in scena per un anno al teatro del Duca di York e poi di nuovo per un revival di successo nel 2014 al Teatro delle Arti. Da allora ha assunto vita propria, eseguita in tutto il mondo.

“La produzione originale della commedia è stata piuttosto coinvolgente” ricorda Nyman. “Quando entravi in teatro era come entrare in una casa infestata“. La commedia si basa anche su trucchi magici e un set incredibile. Gran parte del divertimento deriva dal vedere trofei horror familiari su schermi cinematografici ricreati sul palco. Il principale strumento narrativo è che il Dottor Goodman, un professore di parapsicologia, tiene una conferenza sui fantasmi e registra interviste con tre persone diverse – un guardiano notturno, uno studente e un uomo d’affari – che affermano di aver assistito ad un fenomeno soprannaturale. Nyman ha interpretato il dottor Goodman anche nel film. “Ero irremovibile sul fatto che non sarei apparso” ha detto Nyman. “E’ stato Sean Holmes, il regista dello spettacolo teatrale, che ha sottolineato che sarei stato perfetto in quel ruolo“. I numerosi fan della produzione teatrale avranno una grande sorpresa, perché anche se Nyman appare, il film interpretato anche da Martin Freeman è una creatura molto diversa.

Ghost Stories: dalla commedia al film

La commedia e il film sono completamente diversi tra loro” sottolinea Nyman. “Mi ha sorpreso e non è quello che immaginavo sarebbe accaduto. C’è una tristezza nel film, mentre l’opera teatrale ha una faccia tosta. Sembrano generi diversi, ma in qualche modo fanno parte della stessa famiglia“. In parte ha a che fare con la natura letterale del cinema, dove devi sistemare e mostrare le cose, mentre nel teatro suggerisci cose e il pubblico crea con la sua immaginazione” ha spiegato Dyson. “Al cinema invece devi prendere tutti i tipi di decisione: dove siamo, che cos’è questo mondo e che aspetto ha. Questo ti manda immediatamente su un altro percorso“.  L’azione è ambientata nello Yorkshire, e uno dei grandi cambiamenti è che i personaggi non rompono più il quarto muro. “Oltre alla CGI e ai cambiamenti tecnici, il film è sempre stato lo stesso” afferma Nyman. “Si tratta semplicemente di raccontare una storia“. “Questa è la cosa brillante del cinema: il trucco è quello di girare la stessa azione più volte da diverse angolazioni, ma alla fine fai finta che sia tutto una sola cosa”.

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

Tre Piani di Nanni Moretti unico film italiano in concorso a Cannes, trailer italiano

Stefania Albani8 Giugno 2021

Il 7 ottobre arriva al cinema Respect, il biopic su Aretha Franklin, ecco il trailer italiano

Stefania Albani7 Giugno 2021

Da oggi al cinema The Conjuring – Per Ordine del Diavolo, il nuovo trailer italiano

Stefania Albani3 Giugno 2021

In arrivo un biopic per la cantante e attrice CHER che ha compiuto 75 anni

Stefania Albani21 Maggio 2021

Joshua Jackson sarà il Dr. Death la serie in arrivo sulStarzplay

Stefania Albani18 Maggio 2021

La tragica e commovente storia di Alfredino raccontata in una miniserie in arrivo su Sky Cinema

Stefania Albani12 Maggio 2021

Leonardo DiCaprio tra i “Killers” accanto a Lily Gladstone, ecco la prima immagine del film

Stefania Albani11 Maggio 2021

Sarah Paulson protagonista dell’horror RUN, ecco il trailer italiano

Stefania Albani10 Maggio 2021

La voglia di cinema riporta la gente in sala, buoni risultati per Nomadland

Stefania Albani3 Maggio 2021