News Cinema, Tv, Libri

Breathe: Andy Serkis al TIFF debutta dietro la macchina da presa

Breathe: Andy Serkis al TIFF debutta dietro la macchina da presa

Breathe: Andy Serkis al TIFF debutta dietro la macchina da presa

Andy Serkis (The War – Il pianeta delle scimmie, Star Wars: Il risveglio della Forza) esordisce dietro la macchina da presa con il lungometraggio Breathe. Basato su una sceneggiatura dell’autore due volte candidato agli Oscar William Nicholson (Everest, Les Misérables e Il gladiatore), Breathe è la vera storia di un amore senza confini di grande ispirazione per tutti. L’avventuroso e carismatico Robin Cavendish (Andrew Garfield) ha tutta la vita davanti quando si ritrova paralizzato a causa della poliomielite che contrae mentre è in Africa. Contro il parere di tutti, sua moglie Diana (Claire Foy) lo fa dimettere dall’ospedale e lo porta a casa dove la sua dedizione e la sua intelligente determinazione trascendono la disabilità. Insieme, si rifiutano di diventare prigionieri della sofferenza di Robin e incantano gli altri con il loro umorismo, il loro coraggio e la loro sete di vita. Breathe è una commovente celebrazione del coraggio e delle possibilità dell’essere umano che scalda il cuore, una storia d’amore che insegna a vivere ogni respiro come se fosse l’ultimo.

Al Toronto Film Festival il film è stato presentato in anteprima alla presenza del regista Andy Serkis e dei due protagonisti Andrew Garfield e Claire Foy.

Andy che cosa ti aveva colpito della storia?

Andy Serkis: Era una storia potente, toccante e straordinariaMi ha fatto commuovere tanto, come non mi era mai successo. Mi è bastato leggere il copione per iniziare a piangere.

Le persone che raccontiamo erano uniche, erano degli outsider, dei pionieri. Hanno cambiato il modo in cui il concetto di disabilità era percepito all’epoca. Tutto questo grazie alla loro tenacia, intelligenza e humour. Hanno parlato al cuore delle persone e hanno trasformato le vite di molti.  

Che cosa ha significato per voi interpretare questi personaggi?

Andrew Garfield: Per me questa storia rappresenta uno standard su come vivere la vita. Quello che Robin e Diana hanno fatto è stato vivere un vita piena di gioia, ricca e in grado di ispirare gli altri e lo hanno fatto partendo da una perdita.
Ecco perché secondo me questa è una storia universale.
Claire Foy: Gli eventi che raccontiamo sono storie che superano ogni epoca. Le circostanze sono sempre le stesse: le persone supportano i loro cari. Si prendono cura delle persone che amano, lo facevano ieri e lo fanno ancora oggi.
Ispirato alla vera storia dei genitori del produttore Jonathan Cavendish, Breathe mostra come il modo in cui Robin ha affrontato la sua malattia, reagendo al suo destino, ha avuto un enorme impatto sulla mobilità e l’accesso dei disabili.
(Paola Schettino Nobile)

Commenta

Commenti

News Cinema, Tv, Libri

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

HBO Max ha ufficialmente rinnovato Raised by Wolves di Ridley Scott per la seconda stagione.

Stefania Albani18 Settembre 2020

Nuovo Trailer di Petra , serie tv con Paola Cortellesi su Sky

Stefania Albani17 Settembre 2020

Collezione di film horror della Blumhouse su Amazon Prime Video, ecco i trailer

Stefania Albani17 Settembre 2020

Rimandata l’uscita di Black Widow , la Disney sta valutando cosa fare con Saul

Stefania Albani17 Settembre 2020

The Mandalorian 2, primo trailer italiano della seconda stagione solo su Disney Plus

Stefania Albani16 Settembre 2020

Trailer italiano di Un divano a Tunisi , esilarante commedia di Manèle Labidi

Stefania Albani15 Settembre 2020

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020

Il processo ai Chicago 7 , Aaron Sorkin dirige un cast eccezionale, il trailer sottotitolato

Stefania Albani14 Settembre 2020

E se dalla scatola esce un pauroso clown? Ecco Jack in the Box e il suo trailer horror

Stefania Albani11 Settembre 2020