News Cinema, Tv, Libri

BlacKkKlansman, tutto quello che devi sapere sul nuovo film di Spike Lee

BlacKkKlansman, tutto quello che devi sapere sul nuovo film di Spike Lee

Spike Lee torna al cinema con BlacKkKlansman, film presentato in anteprima a Cannes 2018, elegante e divertente ma al tempo stesso innegabilmente sobrio, basato sulle memorie di Ron Stallworth – il primo ufficiale di polizia afroamericano a Colorado Springs alla fine degli anni ’70. La trama segue Ron (John David Washington) e la missione sotto copertura del suo partner Flip Zimmerman (Adam Driver) per infiltrarsi nel Ku Klux Klan, guidato dal ‘Direttore Nazionale’ o ‘Grande Mago’, David Duke (Topher Grace). Il film affronta la politica, ma si distingue dalla classica opera politica del regista, unendo ironia e denuncia. Di seguito tutte le curiosità da sapere su BlaKkKlansman.

Il film è stato girato interamente in 35mm

Il regista Spike Lee ha rivelato ad una proiezione in anteprima di BFI che BlacKkKlansman è stato girato interamente in 35mm per catturare l’essenza degli anni ’70 ed emulare i film che ha visto crescendo. Il regista Chayse Irvin ha attirato l’attenzione di Lee con il suo lavoro su Lemonade with Lee di Beyonce, ed è tornato ai suoi vecchi trucchi, usando la “Dolly Shots“, una tecnica che fa apparire i personaggi come se fossero fluttuanti e distaccati dalla scena e dai loro dintorni.

Utilizza filmati di vecchi film e filmati digitali reali

Mentre il film è stato girato in pellicola 35mm, Lee incorpora scene di altri film e riprese digitali di vita reale – fondendo il dramma con la realtà – una tecnica che abbiamo visto qualche anno fa nel suo film biografico Malcolm X che si apriva con clip reali delle percosse di Rodney King. BlacKkKlansman si apre con una scena di Via col Vento e si chiude con le riprese della protesta di Charlottesville 2017, che funge da straziante promemoria del fatto che il suo film, dietro la vibrante ambientazione anni ’70 della moda e dei colori, non è troppo lontano dalla realtà.

Lee ha coinvolto amici e familiari nel film

Lee ha collaborato con lo sceneggiatore Kevin Willmott, con il quale aveva già lavorato per il film sul crimine musicale del 2015 Chi-Raq,Ron Stallworth è interpretato da John David Washington (un giocatore di football diventato attore), il figlio di Denzel Washington, che ha interpretato Malcolm X nel biopic di Lee del 1992. John David Washington aveva già lavorato con Lee, interpretando uno studente al fianco di suo padre in Malcolm X – un ruolo che ha fatto guadagnare a Denzel Washington una nomination all’Oscar. Anche suo figlio sarà candidato all’Oscar?

La colonna sonora, come previsto, è eccezionale

Un film di Spike Lee ambientato negli anni ’70? La colonna sonora doveva essere elettrica. Con una traccia inedita della leggenda del musical, Prince, e una lunga lista di classici dell’era disco/funk, tra cui Aretha Franklin, Marvin Gaye, Sam Cooke, The Temptations, Percy Sledge, The Staple Singers, The Marvelettes, Lee ci trasporta direttamente nel cuore e nell’anima degli anni ’70.

È un “film d’epoca contemporaneo”

Lee è fermamente convinto che BlacKkKlansman sia un film d’epoca contemporaneo, non un dramma d’epoca. Nonostante la nostalgia degli anni ’70 e l’appeal degli avidi armadi dei personaggi, Lee non si scusa per il fatto che ciò che vediamo sullo schermo è un riflesso di oggi. David Duke, volendo “rendere grande l’America di nuovo” e l’affermazione di Ron che l’America non eleggerebbe mai qualcuno come David Duke in qualità di Presidente degli Stati Uniti è inizialmente accolta da risate, ma ti lascia chiedendo: “sta succedendo davvero questo adesso?Di nuovo?” .

È incredibilmente divertente e sobrio allo stesso tempo

Sebbene Lee non abbia mai considerato BlacKkKlansman una “commedia”, è innegabilmente esilarante. Con personaggi come il membro del Ku Klux Klan ‘Ivanhoe’ (Paul Walter Hauser) il film è pieno di battute, satira e autentiche risate ad alta voce. Certamente metà del tempo il pubblico si domanda se sia il caso di ridere, ma Lee gioca magistralmente con l’equilibrio tra commedia e dramma.

Un messaggio molto importante

Quando gli è stato chiesto da un membro del pubblico alla proiezione del BFI quale sia il messaggio principale dietro al film, Spike Lee è stato rapido a rivelare che di solito non risponde mai a queste domande. Ma con BlacKkKlansman, il messaggio non è mai stato più chiaro. Ha risposto che è un narratore che riconosce il potere e l’influenza che un film ha sul suo pubblico. Voleva raccontare una storia che avrebbe avviato una discussione. “Voglio che ogni singola persona si iscriva per votare alle elezioni di novembre” ha detto Purtroppo “stiamo ancora combattendo la stessa battaglia”.

Commenta

Commenti

News Cinema, Tv, Libri

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

HBO Max ha ufficialmente rinnovato Raised by Wolves di Ridley Scott per la seconda stagione.

Stefania Albani18 Settembre 2020

Nuovo Trailer di Petra , serie tv con Paola Cortellesi su Sky

Stefania Albani17 Settembre 2020

Collezione di film horror della Blumhouse su Amazon Prime Video, ecco i trailer

Stefania Albani17 Settembre 2020

Rimandata l’uscita di Black Widow , la Disney sta valutando cosa fare con Saul

Stefania Albani17 Settembre 2020

The Mandalorian 2, primo trailer italiano della seconda stagione solo su Disney Plus

Stefania Albani16 Settembre 2020

Trailer italiano di Un divano a Tunisi , esilarante commedia di Manèle Labidi

Stefania Albani15 Settembre 2020

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020

Il processo ai Chicago 7 , Aaron Sorkin dirige un cast eccezionale, il trailer sottotitolato

Stefania Albani14 Settembre 2020

E se dalla scatola esce un pauroso clown? Ecco Jack in the Box e il suo trailer horror

Stefania Albani11 Settembre 2020