Eventi

Da oggi il via alla Mostra del Cinema di Venezia 2020, ecco i 18 film in concorso

Da oggi il via alla Mostra del Cinema di Venezia 2020, ecco i 18 film in concorso

Sarà il primo grande evento cinematografico a svolgersi nella tradizionale forma “in presenza” con tanto di Red Carpet dall’inizio della pandemia di Coronavirus, questa 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica Venezia 2020 che parte oggi 2 settembre fino al 12, serata in cui scopriremo il vincitore del Leone d’Oro 2020.

La Cerimonia d’inaugurazione , trasmessa in diretta  su Rai Movie a partire dalle ore 19.00, si aprirà con un omaggio al Maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso.

La giuria guidata dal Premio Oscar Cate Blanchett, con lo scrittore Nicola Lagioia come giurato italiano, decideranno il vincitore tra i 18 film in concorso, dove ben 8 (un record) sono diretti da donne.

Il film di apertura fuori concorso sarà Lacci di Daniele Luchetti  con Alba Rohrwacher e  Luigi Lo Cascio, mentre quello di chiusura è Lasciami andare di Stefano Mordini con Stefano Accorsi e Valeria Golino.

I film italiani saranno 4: Le sorelle Macaluso di Emma Dante. il biografico Miss Marx di Susanna Nicchiarelli. l’autobiografico Padrenostro di Claudio Noce con Piefrancesco Favino e infine il documentario Notturno di Gianfranco Rosi.

Ecco il programma giorno per giorno delle proiezioni dei film

Giovedì 3 Settembre

QUO VADIS, AIDA? di Jasmila Zbanic (Bosnia). 25 anni dopo, il film ci fa tornare al massacro di Srebrenica, durante la guerra civile nella ex Yugoslavia. Bosnia, luglio 1995. Aida è un’interprete che lavora alle Nazioni Unite nella cittadina di Srebrenica. Quando l’esercito serbo occupa la città, la sua famiglia è tra le migliaia di cittadini che cercano rifugio nell’accampamento delle Nazioni Unite. Come persona informata sulle trattative, Aida ha accesso a informazioni cruciali per le quali è richiesto il suo ruolo di interprete. Cosa si profila all’orizzonte per la sua famiglia e la sua gente? La salvezza o la morte? Quali passi dovrà intraprendere?

AMANTS di Nicole Garcia, con Pierre Niney e Stacey Martin (Francia).Lisa e Simon sono inseparabili. Sono innamorati l’uno dell’altra da quando erano adolescenti. Capita una tragedia, provocata dalle attività criminali di Simon. Egli è in pericolo e fugge. Senza Lisa. Lei aspetta invano notizie da lui. Tre anni dopo, è sposata con Leo quando le loro strade si incrociano nuovamente su un’isola nell’Oceano Indiano.

Venerdì 4 Settembre

THE DISCIPLE di Chaitanya Tamhane (India). Sharad Nerulkar ha consacrato sé stesso a un obiettivo: diventare un interprete della musica classica indiana. Una ricerca che dura tutta la vita, in cui solo pochi riescono. Iniziato dal padre a una tradizione millenaria, insegue il suo sogno con sincerità e disciplina, impegnandosi incondizionatamente nel suo percorso artistico. Cercando strenuamente di padroneggiare la sua arte ai massimi livelli, Sharad si fa strada all’interno dei misteri e dei rituali sacri delle leggende musicali del passato. Ma con il passare degli anni, Sharad dovrà confrontarsi tanto con la complessa realtà della vita nella Mumbai contemporanea, quanto con il percorso che ha scelto, che lo condurrà a trovare la sua voce autentica nella musica e nella vita stessa.

PADRENOSTRO di Claudio Noce con Pierfrancesco Favino (Italia). Il primo film italiano a scendere in gara. Gli occhi dei bambini, per raccontare l’Italia degli Anni 70 del terrorismo. Roma, 1976. Valerio ha dieci anni e una fervida immaginazione. La sua vita di bambino viene sconvolta quando, insieme alla madre Gina, assiste all’attentato ai danni di suo padre Alfonso da parte di un commando di terroristi. Da quel momento, la paura e il senso di vulnerabilità segnano drammaticamente i sentimenti di tutta la famiglia. Ma è proprio in quei giorni difficili che Valerio conosce Christian, un ragazzino poco più grande di lui. Solitario, ribelle e sfrontato, sembra arrivato dal nulla. Quell’incontro, in un’estate carica di scoperte, cambierà per sempre le loro vite.

Sabato 5 Settembre

PIECES OF A WOMAN di Kornel Mundruczo, con Shia LaBeouf e Vanessa Kirby (Canada). Martha e Sean Carson, una coppia di Boston, sono in procinto di avere un bambino. La loro vita cambia irrimediabilmente durante un parto in casa, per mano di un’ostetrica confusa e agitata che verrà accusata di negligenza criminale. Comincia così un’odissea lunga un anno per Martha, che deve sopportare il suo dolore e al contempo gestire le difficili relazioni con il marito e la dispotica madre, oltre che confrontarsi in tribunale con l’ostetrica, divenuta oggetto di pubblica denigrazione. Pieces of a Woman è un’aria profondamente personale e dolorosamente familiare, tratteggiata in ricercati toni di grigio, la storia trascendente di una donna che impara a convivere con la sua perdita.

MISS MARX di Susanna Nicchiarelli, con Romola Garai (Italia). La storia, le passioni e l’amore sfortunato di Eleanor, figlia minore e più nascosta di Karl Marx, prima femminista della Storia. Brillante, colta, libera e appassionata, Eleanor è la figlia più piccola di Karl Marx: tra le prime donne ad avvicinare i temi del femminismo e del socialismo, partecipa alle lotte operaie, combatte per i diritti delle donne e l’abolizione del lavoro minorile. Quando, nel 1883, incontra Edward Aveling, la sua vita cambia per sempre, travolta da un amore appassionato ma dal destino tragico.

Domenica 6 Settembre

KHORSHID (I FIGLI DEL SOLE) di Majid Majidi (Iran). ll film narra la storia del dodicenne Ali e dei suoi tre amici: insieme cercano di sopravvivere e sostenere le loro famiglie, tra lavoretti in un garage e piccoli crimini per trovare in fretta del denaro. In un colpo di scena che ha del miracoloso, ad Ali viene affidato il compito di ritrovare un tesoro nascosto sottoterra. Ali chiede aiuto alla sua banda, ma per poter avere accesso al tunnel è necessario iscriversi alla Scuola del Sole: un’associazione di beneficenza che cerca di educare bambini che vivono in strada o sono costretti a lavorare, la cui sede è vicina al luogo in cui si trova il tesoro.

THE WORLD TO COME di Mona Fastvold, con Katherine Waterston, Vanessa Kirby e Casey Affleck (USA). Verso la metà dell’Ottocento nel nord dello stato di New York, Abigail si appresta a iniziare un nuovo anno nella fattoria in cui vive con il marito Dyer. Mentre rifette sull’anno che verrà, sfogliando le annotazioni del suo diario, si percepisce il forte contrasto tra il comportamento pacato e stoico della donna e le complesse emozioni che affiorano dalle pagine. All’arrivo della primavera, Abigail incontra Tallie, donna estroversa di straordinaria bellezza, appena trasferitasi con il marito Finney in una fattoria nelle vicinanze. Le due provano a stringere una relazione, riempendo un vuoto nelle loro vite di cui non conoscevano l’esistenza.
Il film segue il crescere dell’intimità e dell’appassionato attaccamento tra le due donne, proprio mentre incominciano a comprendere di non avere alcun modello a cui riferirsi per la condizione in cui si trovano. Mentre i mariti fanno i conti con l’intensità del legame delle loro mogli, tra i sentimenti feriti di Dyer e la gelosia vendicativa di Finney, gli eventi culminano con la decisione di quest’ultimo di allontanare Tallie, e la determinazione di Abigail a seguire la sua anima gemella.

Lunedì 7 Settembre

CARI COMPAGNI di Andrej Konchalovsky (Russia). Novocherkassk, URSS, 1962. Lyudmila è un membro del partito comunista locale: una convinta militante che nutre un’incrollabile fiducia negli ideali comunisti e un profondo disprezzo per ogni forma di dissenso. Durante una manifestazione operaia in una fabbrica di locomotive, la donna assiste a una sparatoria sui dimostranti ordinata dal governo per reprimere lo sciopero: un evento che cambierà per sempre la sua visione del mondo. Molti i feriti e numerosi i dispersi. La città è sconvolta dagli arresti, da condanne sommarie e dal coprifuoco. E in quei giorni la figlia di Lyudmila scompare nel nulla. Per la donna inizia così un’affannosa quanto rischiosa ricerca, senza sosta e senza quartiere – a dispetto del blocco della città, degli arresti e dei tentativi di insabbiamento da parte delle autorità. Il film è basato su un fatto realmente accaduto a Novocherkassk il 2 giugno del 1962 e secretato fino agli anni Novanta. L’inchiesta è stata avviata nel 1992. Le vittime del massacro erano state occultate in tumuli sotto falso nome perché non venissero mai ritrovate. I principali sospetti fra gli alti vertici governativi erano già morti. I responsabili non sono mai stati condannati.

NON CI SARA’ MAI PIU’ LA NEVE di Malgorzata Szumowska e Michal Englert (Polonia). Un massaggiatore dell’Est fa il suo ingresso nella vita dei facoltosi abitanti di una comunità scialba e inaccessibile, i quali, a dispetto della loro ricchezza, trasudano tristezza interiore e desiderio. Le mani del misterioso nuovo arrivato hanno proprietà curative, i suoi occhi penetrano le loro anime. Alle loro orecchie, il suo accento russo suona come una melodia del passato, un ricordo di un’infanzia più sicura e protetta. Zhenia, questo è il suo nome, cambierà le loro vite.

Martedì 8 Settembre

NOTTURNO di Gianfranco Rosi (Italia). Dopo il Leone d’Oro per Sacro Gra, torna il documentarista italiano più premiato. Girato nel corso di tre anni sui confini fra Iraq, Kurdistan, Siria e Libano, racconta la quotidianità che sta dietro la tragedia continua di guerre civili, dittature feroci, invasioni e ingerenze straniere, sino all’apocalisse omicida dell’ISIS. Storie diverse, alle quali la narrazione conferisce un’unità che va al di là delle divisioni geografiche. Tutt’intorno, e dentro le coscienze, segni di violenza e distruzione: ma in primo piano è l’umanità che si ridesta ogni giorno da un “notturno” che pare infinito. Notturno è un film di luce dai materiali oscuri della storia.

LAILA IN HAIFA di Amos Gitai, con Bahira Ablassi (Israele). Al centro della storia, l’unica discoteca di Haifa dove possono ritrovarsi israeliani e palestinesi. Nel corso di una notte, attraverso una serie di incontri e situazioni si intrecciano le storie di cinque donne, che nelle loro relazioni e identità personali sfidano ogni categoria e classificazione. Con un cast corale di attori israeliani e palestinesi, Laila in Haifa è un film drammatico e pungente, ambientato in un locale notturno nella città portuale di Haifa. Un’istantanea di vita contemporanea, in uno degli ultimi luoghi rimasti in cui israeliani e palestinesi si ritrovano per impegnarsi in relazioni faccia a faccia. Lo stesso club diventa di vitale importanza per la trama del film.
Amos Gitai ci consegna un’immagine delicata e umana della vita nella regione. Laila in Haifa è un luogo di incontro, un momento di dialogo, in una terra che soffre di odio e violenza cronici. E ci pone alcune domande: come possono le arti creare uno spazio in cui le persone riescano a esprimere le loro diverse identità, cercando modi per una pacifica convivenza? Come può il linguaggio del cinema, accostando frammenti di storie, creare un comune tessuto umano?

Mercoledì 9 Settembre

LE SORELLE MACALUSO di Emma Dante, con Donatella Finocchiaro (Italia). La regista è una delle più importanti registe e autrici teatrali al secondo film dopo Via Castellana Bandiera. Dalla sua pièce, la storia di una famiglia, raccontata attraverso gli occhi delle bambine. Maria, Pinuccia, Lia, Katia, Antonella. L’infanzia, l’età adulta e la vecchiaia di cinque sorelle nate e cresciute in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina nella periferia di Palermo, dove vivono da sole, senza genitori. Una casa che porta i segni del tempo che passa, come chi ci è cresciuto e chi ancora ci abita. La storia di cinque donne, di una famiglia, di chi va via, di chi resta e di chi resiste.

LA MOGLIE DELLA SPIA di Kiyoshi Kurosawa (Giappone).È il 1940 a Kobe, la notte prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale. Il mercante locale Yusaku Fukuhara sente che le cose stanno prendendo una brutta piega e decide di recarsi in Manciuria, senza portare con sé la moglie Satoko. Lì è casualmente testimone di un atto di barbarie e, determinato a renderlo pubblico, entra in azione. Nel frattempo, Satoko viene contattata da Taiji Tsumori, suo amico d’infanzia e membro della polizia militare, il quale le racconta della morte di una donna che suo marito ha riportato in Giappone dalla Manciuria. Satoko è accecata dalla gelosia e se la prende con Yusaku. Ma quando scopre le vere intenzioni del marito, fa una cosa impensabile per garantire la sua incolumità e la loro felicità.

Giovedì 10 Settembre

AND TOMORROW THE ENTIRE WORLD di Julia von Heinz (Germania). La domanda è: fino a che punto è lecito ricorrere alla violenza contro chi la usa, come i gruppi neonazisti tedeschi? Nella Germania contemporanea, un gruppo Antifa scende in guerra contro i nazi… Luisa, vent’anni, si unisce a un gruppo dell’Antifa deciso a contrastare il movimento neo-Nazi in sommossa. Con le sue azioni temerarie, combatte non solo l’estrema destra ma cerca anche di fare colpo su Alfa, un attivista antifascista del quale è segretamente innamorata. Presto, la situazione si inasprisce e Luisa e i suoi amici devono affrontare la questione se la violenza possa essere una risposta politica legittima al fascismo e all’odio.

NUEVO ORDEN di Michel Franco (Messico). Dicono sia tra i più bei film del festival. In questo affascinante dramma distopico ricco di suspense, uno sfarzoso matrimonio dell’alta società viene mandato a monte da una rivolta inaspettata, scaturita dal confitto sociale che dà il via a un violento colpo di stato. Attraverso gli occhi della solidale giovane sposa e dei domestici che lavorano per e contro la sua abbiente famiglia, Nuevo Orden descrive a rotta di collo la caduta di un sistema politico e la nascita di uno ancora più angosciante.

Venerdì 11 Settembre

IN BETWEEN DYING di H. Baydorov (Azerbajan). Protagonisti i paesaggi, attraversati da un uomo in fuga che vive strane storie. Davud è un giovane incompreso e irrequieto in cerca della sua “vera” famiglia, coloro che nel profondo sente porteranno amore e significato nella sua vita. Quando, nel corso di una giornata, si trova a vivere una serie inaspettata di incidenti, che risulteranno fatali per diverse persone, riemergono ricordi invisibili, vicende e preoccupazioni. Davud è catapultato in un viaggio all’insegna della scoperta, nel quale non riesce a riconoscere la sua “metà mancante”, fino a quando arriva ad accettare il fatto che vivere in pericolo è il suo destino, che la morte avrà sempre la meglio rispetto alle sue vicende personali e che liberarsene sarà la sua iniziazione per addentrarsi appieno nella vita. Dopo avere intrapreso un cammino in divenire, alla fine Davud ritorna nel luogo dove ha sempre vissuto. Qui trova l’Amore ad attenderlo, ma forse è troppo tardi.

NOMADLAND di Chloe Zhao, con Frances McDormand (USA). Dalla regista cino-americana che Variety ha segnalato come tra i più talentuosi in circolazione. Frances McDormand, dura come non mai, interpreta una donna che vive su un furgone attraversando i deserti. Dopo il crollo economico di una città aziendale nel Nevada rurale, Fern carica i bagagli nel suo furgone e si mette sulla strada alla ricerca di una vita al di fuori della società convenzionale, come una nomade dei tempi moderni. Nomadland vede la partecipazione dei veri nomadi Linda May, Swankie e Bob Wells nella veste di guide e compagni di Fern nel corso della sua ricerca attraverso i vasti paesaggi dell’Ovest americano.

Commenta

Commenti

Approfondisci Eventi

Venezia 77 ecco tutti i vincitori del Leone d’Oro 2020

Stefania Albani14 Settembre 2020

Il Giffoni Film Festival riparte e celebra i suoi 50 anni, tutti i film in concorso

Stefania Albani13 Luglio 2020

Nastri D’Argento 2020 in diretta su Rai Movie il 6 luglio, ecco le candidature

Stefania Albani16 Giugno 2020

Oscar 2020, Parasite miglior film, Joaquin Phoenix e Renée Zellweger migliori attori

Stefania Albani10 Febbraio 2020

Tutte le nomination agli Emmy Awards 2019, Game of Thrones ne ha ben 32

Stefania Albani17 Luglio 2019

A luglio a Riccione arriva la IX edizione di Cinè , presentata a Cannes

Redazione21 Maggio 2019

Questa sera Elton John alla première mondiale di Rocketman a Cannes

Redazione16 Maggio 2019

David di Donatello 2019: tutti i premiati e le foto dei vincitori

Stefania Albani28 Marzo 2019

Notte degli Oscar 2019 , tutti i vincitori

Stefania Albani25 Febbraio 2019