News Cinema, Tv, Libri

Rooney Mara, 5 cose che non sai sull’attrice

Rooney Mara, 5 cose che non sai sull’attrice

Rooney Mara ha un fascino particolare. L’abbiamo vista nei panni di una hacker dark nella serie Millenium e come una timida commessa che seduce Cate Blanchett nell’emozionante Carol. Ma dal 15 Marzo sarà al cinema come la figura spirituale più enigmatica e controversa della storia nel film Maria Maddalena, al fianco di Joaquin Phoenix. Il film di Garth Davis racconta infatti la storia di una giovane donna in cerca di una nuova vita, di un cambiamento. Il suo desiderio la porta a seguire un nuovo movimento sociale guidato dal carismatico Gesù di Nazareth e il viaggio verso Gerusalemme cambierà per sempre la sua visione. Ma conosciamo meglio Rooney Mara con alcune curiosità sulla sua vita privata e professionale, mentre la sua carriera è in continua ascesa.

Rooney Mara e Joaquin Phoenix in Maria Maddalena

Rooney Mara e Joaquin Phoenix in Maria Maddalena

1. Rooney non è il suo nome di battesimo. Il suo nome completo è Patricia Rooney Mara, e ha scelto di abbreviare dopo essere stata chiamata Tricia per tutta l’adolescenza. Dopo aver intrapreso la carriera di attrice, ha deciso di passare a Rooney. “Non mi è mai piaciuto il mio primo nome” ha dichiarato l’attrice a Paper Magazine nel 2010. “Non mi sono mai sentita come una Tricia. E Rooney è più memorabile“.

2. Prima che le sorelle Jenner rendessero questa tendenza più mainstream, Mara aveva trafitto i suoi capezzoli, tra le altre cose, per il ruolo dell’eroina scandinava Lisbeth Salander. Ovviamente il piercing falso era un’opzione, ma non per la giovane artista determinata che ha detto ad Allure che fare veramente questa cosa l’ha aiutata ad entrare meglio nel personaggio. “Ho pensato: ce l’ha nel libro e dovrebbe averlo nel film.” Mara ha iniziato la sua trasformazione non con un singolo piercing sul suo corpo, ma anche all’orecchio, al naso, al sopracciglio oltre al capezzolo . Di quest’ultimo ha ammesso: “In realtà non è stato così doloroso” e lo ha anche tenuto per un po’ in previsione di un potenziale sequel del film.

3. Non guarda i suoi film. Per la sua cover story di Vogue 2013, Mara ha detto ad Hamish Bowles che odia vedere i suoi film ed evita l’esperienza se non strettamente necessario. Preferisce guardarli da sola in un cinema pubblico. “Ogni volta che vedo qualcosa che ho fatto, vorrei che fosse andata diversamente” ha detto a Bowles, rivelando anche di aver visto per la prima volta The Girl With the Dragon Tattoo in un cinema vicino a Manhattan’s Union Square. Nel racconto di questo mese ha rivelato di voler acquistare un biglietto per la prima visione di A Ghost Story in un cinema di Los Angeles.

Rooney Mara

Rooney Mara

4. Mara è vegana in vari modi. A casa sua il veganismo non si limita alla cucina, ma riguarda anche il suo guardaroba. Per ragioni etiche infatti Mara è in procinto di eliminare gradualmente la pelle dal suo armadio, un compito che trova particolarmente difficile nel reparto calzature. Inoltre il suo stile di vita rispettoso dell’ambiente nel senso che per esempio non utilizza bicchieri e piatti di carta.

5. Voleva essere una cantante. È risaputo che la carriera di attrice di Rooney sia stata influenzata da quella della sorella maggiore Kate (The Martian e House of Cards), ma è meno noto che Rooney è stato sedotta dalla musica. Crescendo Mara ha ammesso di aver visto Les Misérables almeno una mezza dozzina di volte. “Questo è il motivo per cui ho iniziato a recitare” spiega. “Solo perché non so cantare davvero, quindi quella era la mia unica via per il mondo che amo.”

Commenta

Commenti

Approfondisci News Cinema, Tv, Libri

Il logo animato di Diabolik il nuovo film dei Manetti bros.

Stefania Albani7 dicembre 2018

Luca Argentero è Copperman, un supereroe un po’ Forrest Gump, il trailer

Stefania Albani6 dicembre 2018

Trailer ufficiale del remake dell’horror Suspiria

Stefania Albani6 dicembre 2018

Cruella, Emma Stone sarà la Crudelia De Mon del prequel in live action

Stefania Albani6 dicembre 2018

Con Non ci resta che il crimine si ritorna agli anni ’80, commedia di Massimiliano Bruno

Stefania Albani5 dicembre 2018

L’albero di Natale Spelacchio quest’anno avrà le luci di Stranger Things

Redazione5 dicembre 2018

Favino, Papaleo, Mastandrea e Rubini sono i Moschettieri del Re, il trailer e poster

Stefania Albani5 dicembre 2018

Donato Carrisi torna con un nuovo thriller , Il gioco del suggeritore

Stefania Albani4 dicembre 2018

Un nuovo Trailer italiano per l’eroina Brie Larson, Captain Marvel

Stefania Albani4 dicembre 2018